2 commenti su “VAGABONDO

  1. secondo me non ci vuole solo l’affetto, ma soprattutto la disponibilità d’animo ad accettare gli altri per ciò che sono, con i loro pregi e i loro difetti

  2. L’amicizia a volte nasce da cose apparentemente di poco conto: prestare attenzione alle sofferenze dell’altro o a quello che l’altro avverte come sofferenza, mostrarsi vicino nei momenti di sconforto esortandolo con semplici parole di incoraggiamento a vedere il futuro con animo fiducioso. E’ molto semplice e …più salutare… defilarsi dalle persone opprimenti!!!
    Solo un animo insensibile non si sentirà in obbligo di prestarsi per colui o colei che ti è stato vicino!
    Attenzione, però, a non confondere l’amico con l’opportunista: l’Amico/a non chiede all’altro l’impossibile, né gli chiede di compiere atti lesivi dell’altrui o della propria onestà. “Non bisogna mai chiedere all’amico di fare per te quello che tu per primo non faresti per lui”. L’amico accetta e rispetta le tue opinioni anche se non le condivide. L’amico non ti metterà mai con le spalle al muro!

I commenti sono chiusi