MUSICOTERAPIA

Oggi vi parlo di musicoterapia, non in termini espressamente scientifici, ma nella maniera personale e di come l’ho vissuta.
Secondo quello che ho  riscontratola musicoterapia viene impiegata in diverse campi, che spaziano da quello della SALUTE, come prevenzione, riabilitazione e sostegno, a quello del BENESSERE al fine di ottenere un migliore equilibrio e armonia psico-fisica.
Tutto ciò vuol dire, secondo me, che attraverso il suono, la musica si aprono le “porte della nostra anima” ovvero si comunica all’interno dell’individuo.
Ho letto che i primi studi di musicoterapia risalgono al ‘930 quando la psicologa Heiner dimostrò che “nel nostro cervello ci sono due elementi per utilizzare ed elaborare l’emozione alla musica. E cioè il Modo ovvero la tonalità ed il Tempo, cioè la velocità di esecuzione”.
Che vi siano risposte emotive comuni a tutti  è stato dimostrato da un esperimento all’università di Montreal dove la d.ssa Peretz ha potuto registrare delle modificazioni indotte dalla musica su vari parametri fisiologici, come pressione del sangue, frequenza cardiaca, la conduzione elettrica della pelle, etc. . In questo esperimento un gruppo di soggetti è stato sottoposto all’ascolto di diversi brani musicali e si è dimostrato che le musiche producevano il medesimo effetto in tutti gli ascoltatori indipendentemente dal giudizio soggettivo sul tipo di emozione suscitata.
Fine prima parte
 
 Vi sottopongo due brani superbi per esprimere questi effetti della musicoterapia, i cui effetti saranno diversi da persona a persona.

 

Albinoni : “Adagio in G minor

 

Mozart : “Simphonia 40 In G Minor, 1. Molto Allegro

1 commento su “MUSICOTERAPIA

I commenti sono chiusi.